insegna

PANDEMIA DA COVID-19

SORVEGLIANZA SANITARIA SU IMBARCAZIONI DA DIPORTO

A seguito dell’emergenza sanitaria in atto dovuta alla pandemia da Covid-19, nel 2020 era stato introdotto dal Ministero della Salute l’obbligo di controllo sanitario anche per le imbarcazioni da diporto mediante una procedura di «libera pratica sanitaria semplificata». Ad oggi tale obbligo è stato rimosso con Disposizione Ministeriale del 8/4/2022.

Resta l’obbligo solo da parte di unità da diporto certificate per fini commerciali (commercial yacht) «che dovranno inviare all’UT-USMAF competente, per porto di approdo, una dichiarazione di sanità semplificata che non prevede rilascio di alcuna libera pratica e nella quale siano contenute informazioni sanitarie minime (numero pax, numero crew, condizioni generali di buona salute degli occupanti l’imbarcazione, possesso di dPLF e delle certificazioni sanitarie eventualmente richieste dalla normativa vigente in materia di ingresso in Italia)».

Contatti USMAF di Ancona:
EMAIL: usma.ancona@sanita.it — PEC: usmaf-pe@postacert.sanita.it — TEL: 06 59944790

OBBLIGHI DI TAMPONE O SORVEGLIANZA SANITARIA/QUARANTENA AL RIENTRO DALL’ESTERO

La normativa è in continuo aggiornamento, pertanto consigliamo sempre al rientro in Italia dall’estero di verificare le disposizioni tempo per tempo vigenti sul sito del MAECI www.viaggiaresicuri.it (poi selezionare «Ingressi/Rientri in Italia dall’estero»), i formulari o le autodichiarazioni da compilare, la necessità o meno di effettuare tamponi o esibire «passaporti vaccinali» o effettuare la quarantena.

Nel suddetto sito compilando un questionario online presente nella homepage si ottengono rapidamente tutte le informazioni.

Si forniscono altresì alcuni dei recapiti della ASL (Area Vasta 2):

PRESCRIZIONI SANITARIE PER L’ARRIVO ED IL SOGGIORNO IN CROAZIA

Vista la costante e continua evoluzione della normativa suggeriamo di verificare tempo per tempo le disposizioni aggiornate sul sito dell’Ambasciata Italiana di Zagabria alla sezione dedicata Emergenza Coronavirus

Attualmente (13/4/2022) per chi proviene da Paesi UE o Schengen non è prevista né la preregistrazione dell’ingresso, né alcun tipo di certificato vaccinale o relativo a guarigione o a tamponi.

Altri link croati utili: